L’A.N.F.F.A.S. NAZIONALE

           Anffas, Associazione Nazionale Famiglie Fanciulli e Adulti Subnormali, viene costituita nel 1958 da genitori di persone disabili e nel 1964 acquisisce Personalità Giuridica con decreto numero 1542 del Presidente della Repubblica Italiana. Nel 1997 conserva il proprio acronimo ma si definisce Associazione Nazionale Famiglie di Disabili Intellettivi e Relazionali. Nel febbraio 2000, l’Associazione si qualifica come “Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale – ONLUS”. È presente in Italia con 203 sezioni che associano circa 15.000 famiglie; nel 2002 le sezioni hanno ottenuto l’autonomia giuridica e patrimoniale, diventando Associazioni indipendenti. Fra i suoi scopi, l’Anffas si pone l’obiettivo di operare nel campo dell’assistenza sociale, sanitaria,socio-educativa, della ricerca scientifica, della formazione e della tutela dei diritti civili a favore di persone con inabilità intellettiva e relazionale e delle loro famiglie.

 

L’A.N.F.F.A.S. di CASALE MONFERRATO

           La sezione di Casale Monferrato fu fondata nel 1968, su iniziativa di un gruppo di genitori di ragazzi e ragazze disabili, guidati dall’Avvocato Gian Piero Mauri, che come Presidente resse la sezione di Casale per nove anni. Sotto la sua guida si realizzarono soprattutto attività dirette a ragazzi che, terminato il ciclo scolastico, non trovavano alcuno sbocco nella società. La sezione si profuse nella sensibilizzazione sulle tematiche dell’handicap in ogni contesto sociale. Grazie all’Anffas di Casale Monferrato, fu costituito il Consorzio Provinciale di Centri di Lavoro Protetto. Il primo di questi centri, uno dei tre esistenti in quel periodo nel Nord Italia, fu aperto a Casale nel1970. Alla nostra sezione venne garantito un posto di diritto nel CdA del Consorzio.

           Dalla fine degli anni '70 la Sezione ha quindi gestito, attraverso propri dipendenti, in convenzione con vari Comuni della zona, servizi di sostegno scolastico per l'insegnamento di bambini disabili nella scuola materna e dell'obbligo, servizio che tutt'ora svolge, laddove si evidenziano carenze nei servizi statali.

           Alla fine del 1977 la presidenza passò alla Professoressa Giovanna Bevilacqua Scagliotti che, oltre a svolgere attività promozionali, volle occuparsi direttamente dei ragazzi più gravi che non trovavano risposta alcuna sul territorio di provenienza.

           Vista la realtà territoriale, nel 1988, aprì il primo servizio per handicappati gravi e gravissimi (Centro Diurno "Col. Paolo Signorini"). 

           Nel 1992 fu inaugurato il Centro "Silvana Baj", autorizzato per n.12 posti letto e 20 posti di semiresidenzialità, nel quale vengono altresì svolte attività riabilitative dirette ai bambini da 0 a 13 anni. La specializzazione verso casi più gravi, sempre seguiti con un'ottica non meramente assistenziale, ma con una impostazione abilitativa e riabilitativa, ha portato ad una rapida saturazione dei Centri, che offrono un servizio a ragazzi provenienti da tutto il territorio regionale (Casale, Vercelli, Verbania, Fossano, Torino) oltre che dalla Lombardia(Milano) e dalla Liguria (Genova).

           Nel 1995 fu aperta la nuova Comunità "Paolo Allara" per poter allargare le possibilità di residenzialità, che oggi sono 20 oltre a tre posti previsti per le emergenze (malattie dei genitori, necessità di "pausa" e di riposo per le famiglie).

Vengono inoltre seguiti trentadue soggetti in regime di diurnato (con servizio aperto dalle ore 8,30 alle ore 17), oltre a 28 bambini in trattamento riabilitativo ambulatoriale (logopedie-fisioterapia-psicomotricità).

I ragazzi seguiti presentano gli handicaps più vari:

¦ pluriminorati psico-sensoriali: siamo l'unico centro in Italia Settentrionale a seguire ragazzi sordo-ciechi. Per questi ragazzi è in atto la supervisione con la "Lega del Filo d'Oro" di Osimo (AN), unico centro di riabilitazione e ricerca per questa specifica patologia in Italia.

¦ spastici gravissimi con altre patologie associate (sordità, mutacismo,ecc.)

¦ insufficienti mentali con innesto psicotico.

          

Fondo
Marco
Sonaglia La nostra storiaHomeScopi e finalitàStruttureServizi e attivitàAiutaci!!!Dove siamo