Homepage

Su di noi

Primo piano

Servizi e attività

Storie

Come aiutare

Contatti

Links utili

Grazie

Chi Siamo

La nostra storia

La missione

L'organizzazione

Il giornalino

 

Indietro

News

Progetti

Eventi

 

Indietro

Comunità residenziali

Centri diurni

Servizi riabilitativi

Servizi alle famiglie

Attività

 

Indietro

Su di noi

Primo piano

Servizi e attività

Storie

Come aiutare

Contatti

Links utili

Grazie

Comunità residenziali

Le nostre comunità alloggio sono strutture a carattere residenziale che garantiscono un servizio diurno e notturno tutto l’anno, nate per ospitare persone con handicap medio-grave e grave, nel momento in cui la famiglia non è più in grado di occuparsi di loro. Il nostro principale obiettivo è quello di fornire un servizio non meramente assistenziale, ma con un’impostazione socioeducativa, ricreando il più possibile l’ambiente famigliare, tutelando non solo la dignità del portatore d’handicap, ma della famiglia stessa. L’accoglienza presso le nostre comunità alloggio avviene attraverso richiesta alla propria ASL che, tramite la commissione di Unità Valutativa Handicap, dà il nulla osta per l’inserimento nelle strutture.

 

SILVANA BAJ: è il primo centro residenziale ANFFAS R.S.A. (Residenza Sanitaria Assistenziale), dove vengono accolti ragazzi con handicap grave e gravissimo, provenienti da tutto il territorio regionale e non. La comunità alloggio Silvana Baj dispone di 10 posti più 2 di emergenza.

 

PAOLO ALLARA: centro residenziale ANFFAS R.A.F. (Residenza Assistenziale Flessibile) per poter allargare le possibilità di assistenza e residenzialità. Questa struttura ospita ragazzi con handicap medio-grave e dispone di 7 posti.

 

LA CASA DI STEFANO: centro residenziale ANFFAS R.A.F per dare una risposta alle esigenze espresse dal territorio per assicurare un futuro ai ragazzi disabili nel momento in cui rimarranno senza famiglia ed assistenza, e per garantire il “Dopo di noi”, che da sempre preoccupa le famiglie con persone disabili. La comunità dispone di 10 posti più due per l’emergenza.