Homepage

Su di noi

Primo piano

Servizi e attività

Storie

Come aiutare

Contatti

Links utili

Grazie

Chi Siamo

La nostra storia

La missione

L'organizzazione

Il giornalino

 

Indietro

News

Progetti

Eventi

 

Indietro

Comunità residenziali

Centri diurni

Servizi riabilitativi

Servizi alle famiglie

Attività

 

Indietro

Su di noi

Primo piano

Servizi e attività

Storie

Come aiutare

Contatti

Links utili

Grazie

La nostra storia

La sezione di Casale Monferrato fu fondata nel 1968 su iniziativa di un gruppo di genitori di ragazzi/e disabili, guidati dall’ avv. Gian Piero Mauri, che come Presidente resse la sezione di Casale Monferrato per 9 anni. Sotto la sua guida si realizzarono attività dirette a ragazzi che, terminato il ciclo scolastico, non trovavano alcuno sbocco nella società. La sezione si profuse nella sensibilizzazione sulle tematiche dell’handicap in ogni contesto sociale. Grazie all’ Anffas di Casale Monferrato, fu costituito il Consorzio Provinciale di Centri di Lavoro Protetto.

 

Alla fine del 1977 la presidenza passò alla Professoressa Giovanna Bevilacqua Scagliotti che, oltre a svolgere attività promozionali, volle occuparsi direttamente dei ragazzi più gravi che non trovavano risposta sul territorio di provenienza. Da questo suo proposito nel 1988 apre il primo servizio per disabili gravi e gravissimi: il Centro Diurno “Paolo Signorini” costruito grazie all’opera dell’Associazione Nazionale Alpini di Casale Monferrato e nel 1992 apre il Centro residenziale “Silvana Baj”. Nella stessa struttura viene avviato un centro diurno affiancato da un centro riabilitativo che viene ben presto aperto anche a minori che necessitano di trattamenti riabilitativi o abilitativi.

 

Nel 1995 apre la comunità Paolo Allara per poter allargare la possibilità di assistenza e residenzialità.

 

Nel 2004 l’Anffas di Casale riesce a realizzare un progetto importante ed ambizioso “La casa di Stefano”: struttura che permette di assicurare un futuro ai ragazzi disabili nel momento in cui rimarranno senza famiglia. È la risposta alla domanda “e dopo di noi?” che da sempre assilla e angoscia le famiglie di persone disabili ed è l’esempio più significativo di quale sia la filosofia dell’Associazione: impegnarsi per far sì che sia sempre la struttura ad adeguarsi ai bisogni dei propri ospiti ed assistiti.

Per rispondere alle crescenti richieste di intervento riabilitativo precoce, soprattutto rivolto a bambini affetti da autismo, si è nel tempo costituito un team di personale altamente specializzato per la presa in carico di soggetti autistici o di gravi disturbi del comportamento.